Tempo di attesa per ottenere un ETA Canada

Il rilascio dell’autorizzazione al viaggio ETA è estremamente rapido ma vi spieghiamo perché sia meglio richiederla in anticipo per non rischiare di compromettere il soggiorno in Canada.

Se si prepara un viaggio in Canada, è essenziale disporre del tempo necessario per la sua preparazione e per ottenere i documenti e le autorizzazioni necessari per entrare sul suolo canadese. Tra queste formalità, la richiesta dell’ETA è particolarmente rapida ma, come spiegheremo in questa pagina, per evitare qualsiasi problema è comunque preferibile espletarla con sufficiente anticipo prima della data di partenza. Illustriamo qui i tempi necessari per il rilascio dell’ETA e tutto ciò di cui bisogna tenere conto.

 

Tempi di rilascio molto brevi per la domanda di ETA

Come è facile constatare, il tempo necessario per effettuare la richiesta di ETA online è di appena qualche minuto. Infatti, è sufficiente rispondere ad alcune semplici domande in merito alla propria identità, inserire alcune informazioni personali, tra cui il numero di passaporto, e pagare con carta bancaria le spese inerenti al trasferimento della domanda e al suo trattamento da parte delle autorità canadesi.

Una volta inviata la richiesta, si riceve una risposta per posta elettronica entro un lasso di tempo molto breve, compreso tra alcuni minuti e al massimo alcuni giorni. Nella maggior parte dei casi la risposta è inviata in poche ore.

Tuttavia, se il passaporto non è più valido, è necessario dedicarsi a questa pratica un po’ in anticipo. In effetti, una domanda di passaporto può anche richiedere tempi molto lunghi e prima di presentare la domanda bisogna assicurarsi di disporre del numero di passaporto che servirà per recarsi in Canada. Allo stesso modo, bisogna considerare che se la richiesta di ETA dovesse essere respinta potrebbe essere necessario presentare una domanda di visto che è una pratica più lunga.

 

Non si è ricevuta l’autorizzazione ETA diversi giorni dopo la richiesta?

Ciò è certamente dovuto a un problema legato alla domanda online. La prima cosa da fare è verificare che le spese di trasferimento e di trattamento siano state addebitate sul proprio conto bancario. Infatti, se tali spese non sono state pagate, la richiesta di ETA non è stata trasmessa alle autorità canadesi. Se tali spese non sono state addebitate, consigliamo di ripetere la richiesta di ETA compilando nuovamente il modulo.

Può anche darsi che si sia omesso di convalidare la domanda. Anche in questo caso, è necessario compilare una nuova domanda online.

Un ultimo caso possibile per spiegare la mancata ricezione di una risposta entro pochi giorni riguarda l’indirizzo e-mail. Nel compilare la domanda si deve indicare un indirizzo e-mail valido ed è a questo indirizzo che viene inviata la risposta delle autorità canadesi. Quindi, se si è commesso un errore nell’inserire tale indirizzo, non si può accedere a tale informazione. Bisogna quindi sempre verificare che l’indirizzo sia valido. Se è corretto, verificare la cartella “spam” o “posta indesiderata”.

 

Qual è il momento ideale per presentare una richiesta di ETA?

Se si prevede di recarsi in Canada in un futuro prossimo, per farlo sarà ovviamente necessaria un’autorizzazione ETA ed è normale chiedersi quale sia il termine migliore per presentare la richiesta prima del viaggio. Come indicato in precedenza, il tempo di attesa per l’ottenimento dell’ETA in seguito a una richiesta online è al massimo di 72 ore, ossia 3 giorni, e si può quindi essere tentati dal presentare la domanda all’ultimo momento, contando sul fatto di ottenere rapidamente l’autorizzazione al viaggio. Tuttavia, come dimostreremo a seguire, è preferibile fare la richiesta con un po’ di anticipo se si vuole essere certi di portare a termine il viaggio anche in caso di imprevisti.

Infatti, sebbene la risposta alla richiesta di ETA venga effettivamente fornita in meno di 72 ore, è possibile che questa sia negativa ovvero che per un qualche motivo l’ETA venga rifiutata. In tal caso, si può scegliere tra due soluzioni.

La prima consiste nel presentare una nuova richiesta di ETA online. Ciò è possibile se il rifiuto è dovuto a un errore commesso al momento della compilazione del modulo di domanda ma è comunque necessario attendere un termine minimo di 10 giorni dalla data di ricevimento del messaggio di rifiuto per poter inviare un nuovo formulario.

Se l’ETA viene rifiutata perché il richiedente o il viaggio non soddisfano i criteri di ammissione al sistema elettronico (ad esempio, soggiorno superiore a 90 giorni, tipo di passaporto non idoneo o cittadinanza non ammissibile), è possibile presentare una domanda di visto tradizionale. Sebbene anche il visto possa ormai essere richiesto online, le informazioni e i documenti richiesti rendono tale procedura più complessa e il tempo di attesa per ottenere una risposta è più lungo che per l’ETA.

È quindi assolutamente opportuno tenere conto della possibilità di rifiuto dell’ETA e presentare la richiesta qualche settimana prima della data prevista per la partenza in Canada, per essere certi di portare a termine il viaggio.

 

È possibile ottenere un'autorizzazione ETA per posta? Con quali tempi?

Come abbiamo appena visto insieme, è assolutamente possibile ottenere l’autorizzazione ETA in appena poche ore grazie al sistema elettronico che garantisce di ricevere l’e-mail di risposta entro 72 ore al massimo.

Tuttavia, alcune persone desiderano comunque ricevere tale conferma per posta perché non hanno dimestichezza con le e-mail o perché desiderano una traccia scritta di questo documento ma non hanno la possibilità di stampare la mail di risposta. Fortunatamente per queste persone, alcuni fornitori online che mettono a disposizione i moduli di richiesta dell’ETA offrono questa possibilità e quindi, con qualche costo supplementare di spedizione, permettono di ricevere la risposta alla richiesta di ETA direttamente al proprio domicilio via posta.

Qual è il tempo necessario per ottenere l’ETA in formato cartaceo? La domanda ha la sua importanza perché è evidente che, oltre al termine massimo di 72 ore per il trattamento, si deve calcolare il tempo di spedizione del documento, la cui data di consegna dipenderà in gran parte dalla città in cui si vive. Anche se questo termine supplementare di norma non supera uno o due giorni, è necessario tenerne conto, in quanto non si potrà prendere visione dello stato della domanda prima di tale data, a meno che non si consulti anche la casella di posta elettronica. Infatti, anche se si richiede di ricevere l’ETA per posta, verrà comunque inviata una risposta nella casella di posta elettronica di cui si è indicato l’indirizzo al momento della richiesta. Quindi, rimane comunque la possibilità di ritrovarla in questo modo.

In realtà, però, la data di ottenimento dell’ETA per posta non ha molto significato, perché è la data di rilascio del permesso di viaggio che conta davvero. Infatti, la richiesta sarà in realtà trattata allo stesso modo ed entro gli stessi termini, indipendentemente dall’opzione scelta. Di conseguenza, l’ETA, se concessa, sarà valida e associata al proprio passaporto prima ancora di ottenere la notifica per posta.

Se si è chiesto di ricevere l’ETA per posta e non si è ricevuto il documento prima della data del viaggio, consigliamo di consultare lo stato della richiesta direttamente online o nella casella di posta elettronica. Se l’autorizzazione è stata concessa, non c’è bisogno del documento cartaceo per portare a termine il viaggio e bisognerà semplicemente esibire il passaporto valido al momento dell’imbarco e al momento dell’arrivo sul territorio canadese.

Bisogna anche sapere che il proprio numero di pratica consente di accedere in qualsiasi momento allo stato della domanda e che quindi si può verificare tale dato online prima della partenza se si vuole essere rassicurati sul fatto di avere il diritto di recarsi in Canada.

 

Cosa fare se non si ottiene l’autorizzazione ETA?

Come è logico immaginare, una richiesta di ETA non garantisce in alcun modo il rilascio sistematico dell’autorizzazione al viaggio e può quindi accadere che si riceva una notifica di rifiuto.

Il rifiuto dell’ETA può essere giustificato da diverse ragioni. In primo luogo, è possibile che non si rispettino le condizioni iniziali per beneficiare di questo programma di esenzione dal visto per il Canada. È inoltre possibile che una delle risposte fornite nel modulo online non corrisponda alle norme stabilite dalle autorità canadesi responsabili dell’immigrazione.  Infine, se in precedenza si è subito un rifiuto alla richiesta di ETA per un motivo importante, le autorità canadesi hanno il diritto di rifiutare nuovamente il diritto di ingresso nel territorio.

Ma in caso di rifiuto, a quali mezzi si può fare ricorso per cercare di mantenere il proprio viaggio?

In realtà, tutto dipende dal motivo del rifiuto. Purtroppo, questo motivo non viene comunicato nella mail di risposta alla richiesta e quindi bisogna identificarlo personalmente. Se si pensa di aver commesso un semplice errore compilando il modulo online, si ha la possibilità di ripresentare una nuova domanda, facendo in modo, questa volta, di rispondere correttamente a tutte le domande. Tuttavia, per fare una nuova richiesta in tal senso, è necessario attendere 10 giorni dalla notifica del rifiuto.

Se il rifiuto dipende da un’altra causa minore, come un problema di nazionalità, di durata del soggiorno o di scopo di soggiorno in Canada, se lo si desidera è possibile presentare una domanda di visto classica. Anche questa richiesta può ormai essere presentata direttamente online ma talvolta richiede un appuntamento in presenza presso un'amministrazione e quindi richiederà un tempo maggiore di cui bisogna tenere conto.

In entrambi i casi, quindi, il viaggio in Canada ha grandi possibilità di essere mantenuto. Se invece il motivo di rifiuto dell’ETA è dovuto a un’altra causa considerata importante come un casellario giudiziario che viola le norme e le leggi canadesi, è quasi certo che anche la nuova domanda o la richiesta di visto sarà rifiutata.

È per questo motivo che consigliamo di presentare al più presto la richiesta di ETA, in modo da poter procedere in altro modo se si ottiene un primo rifiuto. Sarebbe infatti un peccato dover rinunciare al proprio soggiorno per mancanza di tempo, quando si sarebbe potuta presentare una nuova domanda di ETA o presentare una domanda di visto e ottenere le necessarie autorizzazioni legali. Puoi presentare la richiesta di ETA subito e direttamente online per metterti nelle migliori condizioni grazie a un modulo redatto in italiano e ricevere una risposta entro 72 ore al massimo.

Sito non affiliato al governo canadese, possibilità di svolgere le proprie pratiche senza spese supplementare nel sito ufficiale