È necessaria un'eTA per il transito in Canada?

Analogamente a un semplice soggiorno, ogni transito o scalo sul territorio canadese richiede un'autorizzazione eTA. Scopri come fare questa richiesta e quali sono gli aspetti da prendere in considerazione.

Nei prossimi tempi hai intenzione di fare un viaggio verso una destinazione che richiede di passare per il Canada e ti chiedi di quali documenti ufficiali hai bisogno per portare a termine il viaggio? In questo articolo spieghiamo che un’autorizzazione elettronica di viaggio eTA è obbligatoria per ogni transito in Canada, anche se non si esce dalla zona di transito. Per capire meglio il perché di tale necessità e come ottenere la propria eTA di transito, ecco alcune spiegazioni dettagliate.

 

L’eTA è obbligatoria per transitare in Canada

Analogamente a quanto avviene per gli scali e i transiti negli Stati Uniti, un transito in Canada richiede un’autorizzazione amministrativa di soggiorno, anche se non si soggiorna realmente sul territorio canadese. Infatti, un aereo proveniente dall’estero non può far sbarcare dei passeggeri che non dispongono di un visto o di eTA legalmente obbligatori.

Di conseguenza, se il volo effettua uno scalo o un transito in Canada, si è tenuti a ottenere un’autorizzazione di viaggio. Se si è cittadini di uno dei paesi membri del regime di esenzione dal visto, si può presentare una semplice domanda di eTA online. Una delle condizioni di utilizzo dell’eTA al posto del visto è la durata del soggiorno sul territorio canadese che non può superare i 90 giorni e, dato che in caso di transito il tempo trascorso a terra è generalmente di poche ore al massimo, si può quindi utilizzare questa autorizzazione elettronica semplificata.

 

Come richiedere l’eTA per il transito in Canada?

Per ottenere un’eTA che consenta di transitare in Canada, occorre seguire le stesse procedure necessarie per un viaggio in Canada classico. In un primo tempo, si deve presentare una domanda online compilando un semplice formulario in italiano o in una qualsiasi altra delle lingue disponibili. A tal fine, non bisogna dimenticare di preparare il proprio numero di passaporto, la cui validità deve includere la data di transito in Canada, nonché una carta bancaria che servirà a pagare le spese amministrative necessarie per la convalida della domanda.

Le domande poste nel modulo online riguardano principalmente i dati personali, l'identità, lo stato di salute e la moralità del richiedente ed è vivamente consigliato di rispondere con sincerità a tutte le domande perché le risposte possono fare oggetto di verifica da parte delle autorità competenti per l’immigrazione. Attenzione a inserire un indirizzo di posta elettronica valido per poter ricevere la risposta alla richiesta.

Una volta inviata la  richiesta, basta attendere fino a un massimo di 72 ore prima di ricevere per e-mail la risposta. Se l’autorizzazione eTA viene concessa, sarà automaticamente collegata al passaporto del richiedente per un periodo di cinque anni durante il quale è quindi possibile riutilizzarla senza necessità di ripresentare una domanda per tutti i viaggi e i transiti di durata inferiore a 90 giorni che si intende effettuare nel periodo di validità.

 

È possibile utilizzare la stessa eTA sia per il transito che il soggiorno in Canada?

Se il prossimo viaggio comporta un transito o uno scalo in Canada e quindi una richiesta di autorizzazione eTA, ci si può chiedere se tale autorizzazione potrà essere utilizzata per un viaggio successivo anche se non dovesse trattarsi di un semplice transito.

La risposta a questa domanda è ovviamente positiva. Infatti, l’eTA è valida per 5 anni dal suo rilascio e può essere utilizzata per transiti, scali e soggiorni, poiché le condizioni per ognuna di queste situazioni sono le stesse.

Tuttavia, bisogna assicurarsi che il proprio soggiorno rientri nelle condizioni imposte dal governo canadese e dal dispositivo eTA e la sua durata non deve quindi superare i 90 giorni, ossia tre mesi, sul suolo canadese. Per soggiorni più lunghi bisogna presentare domanda di visto. Inoltre, il soggiorno deve avere lo scopo di fare turismo in Canada, fare visita a un amico o recarsi a un appuntamento d'affari mentre se si intende studiare o lavorare in Canada, anche in questo caso sarà necessario richiedere un visto.

Se il numero di passaporto è sempre lo stesso e nessuna delle informazioni inserite nel corso della prima domanda di eTA è cambiata, allora non vi sarà nulla di particolare da fare per riutilizzare la propria autorizzazione per un viaggio in Canada. L’autorizzazione eTA è infatti collegata elettronicamente al numero di passaporto per un periodo di 5 anni a decorrere dalla data di ricevimento della notifica di accettazione per e-mail. Oltre tale termine, si può presentare una nuova domanda online.

 

Quando richiedere l'autorizzazione eTA per un semplice transito in Canada?

Come abbiamo appena visto, la richiesta di eTA è obbligatoria per qualsiasi transito o scalo in Canada, anche se non si soggiorna realmente nel paese e ci si può chiedere quale sia il momento migliore per effettuare la richiesta di eTA online prima del viaggio.

Come è noto, la risposta alla richiesta di eTA viene data molto rapidamente dopo la presentazione della pratica e, infatti, il termine per il trattamento della domanda, in seguito al quale viene inviata una e-mail di risposta all’indirizzo indicato al momento della compilazione del modulo, è di massimo 72 ore. In realtà, tuttavia, si può constatare che spesso il termine è molto più breve e di solito si riceve una risposta appena poche ore dopo la convalida del questionario e la registrazione delle spese amministrative.

Di conseguenza, si può essere tentati dal presentare la richiesta solo pochi giorni prima della data di partenza. Tuttavia, invitiamo vivamente a farlo con un po' di anticipo, poiché non vi sono garanzie di ottenere il permesso di viaggio.

In effetti, immaginiamo che si riceva una risposta negativa alla richiesta di eTA. In tal caso, se non vi è tempo per trovare una soluzione alternativa, si rischia di non poter portare a termine il viaggio attraverso il Canada.

Per evitare questo tipo di inconvenienti, il momento ideale per la richiesta di eTA è di qualche settimana prima della data di partenza del volo. In tal modo, se le autorità canadesi respingono la domanda per via di un errore nella compilazione del modulo si ha la possibilità di presentare una nuova domanda dopo aver lasciato trascorrere 10 giorni dalla notifica del rifiuto. Se questo è il caso, vi sono buone probabilità che l’eTA venga accettata.

Se invece l’autorizzazione venisse nuovamente rifiutata o se il motivo del rifiuto fosse diverso da un semplice errore, rimane possibile richiedere il visto per il transito in Canada. Tuttavia, si tratta di una pratica po’ più lunga che talvolta richiede di presentare dei giustificativi o anche di prendere un appuntamento in ambasciata per ottenere il documento. Per questo motivo bisogna mettere in conto un periodo di tempo sufficiente per poter fare il necessario. Vorremmo tuttavia richiamare l’attenzione sul fatto che non vi è alcuna garanzia che il visto venga concesso.

Infine, va notato che l’autorizzazione eTA per viaggiare o transitare in Canada è valida per 5 anni dal suo ottenimento ed è quindi preferibile non chiederla troppo in anticipo per poterne usufruire durante tutto questo periodo effettuando diversi viaggi verso questa destinazione senza dover chiedere una nuova autorizzazione e dover pagare nuovamente le spese necessarie.

Sito non affiliato al governo canadese, possibilità di svolgere le proprie pratiche senza spese supplementare nel sito ufficiale